In evidenza

Mi presento…

21362320_10213929585584671_493085947_oPer contattarmi… CLICCA QUI 

Di seguito qualche nota biografica

Mi chiamo Lelio Bizzarri, originario di Rieti, ho 43 anni. Dal ’97 vivo a Roma che ormai è diventata la mia città di adozione. E’ stato qui infatti che ho vissuto la parte più intensa della mia vita trovandovi l’amore e la compagna di una vita, ho conosciuto tante persone che stimo e ammiro, ho svolto attività politica, studiato e avviato la mia attività di psicologo e psicoterapeuta.

…e ora un po’ di teoria

Un lavoro che mi appassiona e che cerco di condurre con la massima professionalità ed affidabilità deontologica (Vedi certificato Buona condotta OPL). Dopo la formazione accademica svolta presso la facoltà di Psicologia dell’Università “La Sapienza” di Roma, ho proseguito gli studi presso la Scuola Superiore Europea di Counseling Professionale e presso la Scuola di specializzazione quadriennale in Psicologia clinica di comuFoto di gruppo scuola aspicnità e Psicoterapia umanistica integrata – ASPIC. Fondato in origine sui principi ispiratori della filosofia umanistica e sui contributi teorico-metodologici di Rogers e Pearls, quali l’empatia, la consapevolezza emotiva, l’intenzionalità e la responsabilità dell’agire umano, nonché sulla centralità delle emozioni e della qualità della relazione terapeutica, l’approccio dell’ASPIC si è andato sviluppando in una visione pluralistica capace di integrare fra loro i contributi dei diversi orientamenti teorici per come essi si sono evoluti negli ultimi decenni anche grazie a studi empirici che ne hanno comprovato la validità scientifica.

Coerentemente con queste premesse la mia metodologia si fonda sulla costruzione di una relazione empatica basata sulla fiducia, la quale favorisca una comprensione profonda nel mondo interiore della persona che si rivolge a me. L’instaurazione di una relazione terapeutica solida e fluida, così come la valutazione dello stile di personalità e della storia del cliente, sono le premesse per la pianificazione di un percorso terapeutico personalizzato in cui i principi teorici e le tecniche vengono messe al servizio del benessere e del cambiamento verso gli obiettivi scelti dal cliente e concertati con il terapeuta.

Anche se molto spesso le difficoltà quotidiane hanno reso il percorso tutt’altro che lineare, posso dire che, negli ormai dieci anni di attività di consulenza psicologica e terapia, ho avuto modo di conoscere tante persone che con fatica emotiva, impegno e dedizione hanno trovato il coraggio di diventare consapevoli della loro condizione esistenziale e di sperimentare nuovi modi di stare al mondo, concedendosi così la chance di vivere una vita più felice e fedele ai propri desideri ed obiettivi di vita.

La bellezza del lavoro che svolgo sta proprio nel poter condividere una parte così intensa del percorso di vita di ogni persona.

Chi volesse conoscermi più approfonditamente e interagire con me può visitare i miei account LinkedIn, Facebook e Twitter


Annunci

Opportunità lavorative…

buono
Immagine tratta dal film “Qualcosa di buono” del 2014

…nell’assistenza e  accompagnamento di persone con disabilità.

Buone retribuzioni, possibilità contratto a tempo indeterminato e anche… divertimento.

Leggi anche l’articolo: “Assistenti di base e collaboratori familiari. Competenze trasversali e abilità relazionali specifiche

Per proporre la propria candidatura invia un curriculum ai riferimenti nella pagina CONTATTI

 

 

2° Workshop “Lutto, perdita, memoria e progettualità”

Screenshot-2017-11-02_13.08.04
Immagine tratta dal film “Le parole che non ti ho detto” del 1999

Quando? Lunedì 18 dicembre dalle 10,00 alle 13,00

In cosa consiste? Illustrazione degli aspetti teorici, video, lettura di brani di romanzi, domande e risposte, attivazioni esperienziali per elaborare le emozioni.

Quali argomenti?

  • Elaborazione del lutto: quando è necessario un trattamento e di che tipo?
  • Le fasi dell’elaborazione 1. Negazione/Rifiuto; 2. Rabbia; 3. Negoziazione; 4. Depressione; 5. Accettazione; ad ognuna il suo tempo!
  • Le perdite inattese e traumatiche;
  • Lutti atipici da non sottovalutare;
  • Chiudere le questioni sospese tra rabbia e senso di colpa;
  • Valorizzare il presente prima dell’ultimo saluto;
  • La fine è un nuovo inizio: la progettualità in chi resta.

Destinatari: il laboratorio è rivolto a tutti coloro che sono interessati all’argomento per motivi personali o professionali.

Costi:

  • 20 euro per iscrizione singola;
  • 15 euro a testa doppia iscrizione;
  • 10 euro a testa per gruppi di tre o più iscritti.

PRENOTAZIONE OBBLIGATORIA SCRIVENDO A info@bizzarrilelio.it O 3478468667. MAX 10 PARTECIPANTI.

Ubicazione: Romanina Roma (l’indirizzo preciso verrà fornito al momento della prenotazione)

FOREVER YOUNG Bob Dylan
Testo e Traduzione

May God bless and keep you always,
May your wishes all come true,
May you always do for others
And let others do for you.
May you build a ladder to the stars
And climb on every rung,
May you stay forever young,
Forever young, forever young,
May you stay forever young.

May you grow up to be righteous,
May you grow up to be true,
May you always know the truth
And see the lights surrounding you.
May you always be courageous,
Stand upright and be strong,
May you stay forever young,
Forever young, forever young,
May you stay forever young.

May your hands always be busy,
May your feet always be swift,
May you have a strong foundation
When the winds of changes shift.
May your heart always be joyful,
May your song always be sung,
May you stay forever young,
Forever young, forever young,
May you stay forever young

Possa Dio benedirti e proteggerti sempre
possano tutti i tuoi desideri diventare realtà
possa tu sempre fare qualcosa per gli altri
e lasciare che gli altri facciano qualcosa per te
possa tu costruire una scala verso le stelle
e salirne ogni gradino
possa tu restare per sempre giovane
per sempre giovane per sempre giovane
possa tu restare per sempre giovane

Possa tu crescere per essere giusto
possa tu crescere per essere sincero
possa tu conoscere sempre la verità
e vedere le luci che ti circondano
possa tu essere sempre coraggioso
stare eretto e forte
e possa tu restare per sempre giovane
per sempre giovane per sempre giovane
possa tu restare per sempre giovane

Possano le tue mani essere sempre occupate
possa il tuo piede essere sempre svelto
possa tu avere delle forti fondamenta
quando i venti del cambiamento soffiano
possa il tuo cuore essere sempre gioioso
possa la tua canzone essere sempre cantata
possa tu restare per sempre giovane
per sempre giovane per sempre giovane
possa tu restare per sempre giovane

Reddito d’inclusione: requisiti e modalità di domanda.

GENERICA-POVERTADal 1° dicembre 2017 sarà possibile richiedere il Reddito d’inclusione che consiste in un contributo economico erogato alle famiglie che versano in condizione di povertà e finalizzato al perseguimento di obiettivi quali il re-inserimento lavorativo, la tutela della salute o il garantire la frequenza scolastica.

Possono accedere al contributo i cittadini italiani, gli appartenenti ad uno Stato membro dell’Unione Europea o i familiari di un cittadino comunitario anche se non hanno cittadinanza in uno Stato dell’UE, purché appartengano ad un nucleo familiare che risponda ai seguenti

REQUISITI FAMILIARI:

  • nel nucleo familiare sia presente un componente di minore età;
  • oppure una persona con disabilità e almeno un suo genitore o tutore;
  • oppure una donna in gravidanza;
  • oppure un componente della famiglia che, avendo almeno 55 anni compiuti, si trovi in condizione di disoccupazione;

ed ECONOMICI:

  • il nucleo familiare deve avere un valore ISEE non superiore a 6000,00 euro;
  • un valore ISRE non superiore a 3000,00 euro;
  • fatta eccezione per la casa di abitazione, non possedere immobili per un valore superiore a 20000,00 euro;
  • il saldo del conto corrente e di eventuali titoli non deve superare i 10000,00 euro se il nucleo familiare è di 3 o più componenti, 8000,00 per soli 2 componenti, 6000,00 per un solo componente.

Non si deve inoltre usufruire della NASPI, non avere autoveicoli o motoveicoli immatricolati da meno di 24 mesi (a meno che non siano adibiti al trasporto disabili) e non si devono possedere imbarcazioni da diporto.

La domanda può essere fatta dal 1° dicembre 2017 compilando l’apposito modulo INPS scaricabile al seguente link:

https://www.inps.it/CircolariZIP/Circolare%20numero%20172%20del%2022-11-2017_Allegato%20n%202.pdf

e presentandolo presso gli uffici del Comune o Municipio di competenza.

Fonti:

https://www.inps.it/nuovoportaleinps/default.aspx?itemdir=51383

https://www.inps.it/bussola/VisualizzaDoc.aspx?sVirtualURL=%2fCircolari%2fCircolare%20numero%20172%20del%2022-11-2017.htm

https://www.inps.it/CircolariZIP/Circolare%20numero%20172%20del%2022-11-2017_Allegato%20n%202.pdf

 

 

16enne affetta da Osteogenesi Imperfetta brutalmente picchiata.

23172778_902032813282397_4176918943508205693_n

Nella cittadina di Warren nel Michigan una ragazza, Deszirae Jenkins, di 16 anni affetta da Osteogenesi Imperfetta è stata aggredita, secondo i familiari da 2 coetanei che conosceva e che sapevano della sua particolare condizione fisica. L’Osteogenesi  Imperfetta è una patologia che comporta fragilità ossea superiore alla norma: la ragazza, colpita con un mattone sul volto e su altre parti del corpo, ha riportato numerose fratture e i medici del Children’s Hospital of Michigan stanno valutando eventuali danni neurologici.

Se fosse confermato che gli aggressori erano a conoscenza della fragilità ossea di Deszirae, risulterebbe sconcertante dal punto di vista umano l’accaduto e aggraverebbe, sotto il profilo giuridico, la loro posizione.

La notizia, diffusa inizialmente dall’emittente WXYZ di Detroit, si è propagata in tutta la comunità OI a livello statunitense ed internazionale tramite il gruppo Facebook della Osteogenesis Imperfecta Foundation, raccogliendo centinaia di messaggi di supporto morale e di solidarietà, nonché lanciando una raccolta fondi per sostenere la sua tutela legale.

In considerazione del fatto che molto spesso la società americana, nel bene e nel male, anticipa le tendenze di quella italiana e alla luce delle recenti vicende di minacce ed insulti rivolti sul web a donne disabili o dell’atto di vandalismo del 31 ottobre scorso, caratterizzato in senso nazifascista sul pulmino dell’ANFASS di Mestre, la tragica vicenda di Deszirae ha una forte attinenza con la realtà nostrana e deve fungere da monito per far elevare il livello di allerta al fine di prevenire un’escalation di violenza dal livello cyber-psicologico a quello fisico.

Tutti questi episodi di violenza hanno moventi non ancora esplicitati tuttavia è possibile azzardare l’interpretazione secondo la quale l’intolleranza è una risposta alla ricerca di inclusione sociale e al volere vivere normalmente aldilà degli stereotipi che vorrebbero la persona con disabilità emarginata, triste e remissiva. Socializzare, flirtare con persone non disabili, gioire della vita, impegnarsi nelle attività culturali e sociali, ambire al successo professionale e alla realizzazione anche come genitori, pur essendo tutti diritti sanciti dalla Convenzione ONU (che peraltro gli Stati Uniti non hanno ancora ratificato), vengono vissuti da molti come comportamenti inappropriati per una persona con disabilità e scatena sentimenti di rabbia che sfociano in veri e propri atti di violenza.

La prevenzione sta nel ribadire i diritti delle persone con disabilità e di tutti/e!

“IT”: il male si insinua fra solitudine, indifferenza e ossessioni.

itIn questi giorni nelle sale cinematografiche viene proiettato il remake (a cura del regista Andres Muschietti) del film “IT”, tratto dall’omonimo romanzo di Stephen King del 1986. La genialità visionaria di uno dei più grandi scrittori e sceneggiatori del genere horror sta nel fatto che le storie soprannaturali che racconta nascono e si alimentano nella cornice delle più profonde tensioni psicologiche connaturate all’animo umano e alle dinamiche sociali che ne scaturiscono.

Lo è stato per Jack Torrance, in “The Shinging”, ossessionato dall’ambizione di successo come scrittore e dal senso di fallimento. Così come per “Carrie lo sguardo di Satana”, opera prima di King, nella quale ha mostrato tutta la sua capacità di leggere le dinamiche profonde della società americana, prevedendo, con un anticipo di più di vent’anni, la drammatica connessione tra bullismo e school shooting: nel romanzo del 1976 Carrie, dopo essere stata umiliata dalle sue compagne al ballo scolastico, provoca un massacro con le sue capacità telecinetiche; metafora del massacro che Eric Harris e Dylan Klebold perpetrarono nel 1999 alla Columbine High School dopo anni di soprusi subiti dai compagni.

In “IT”, King evidenzia come il Male si annidi nelle comunità in cui l’indifferenza degli adulti espone i bambini alla famelica voracità di un predatore seriale che si nasconde nelle fogne della città. Il pagliaccio Pennywise trae forza dal terrore che ogni bambino prova quando si trova solo al cospetto dei propri incubi, abbandonato a se stesso da genitori giudicanti, fobici, possessivi e molestatori.

Le angherie dei ragazzi più grandi, che fanno ai più piccoli ciò che subiscono dagli adulti,  sarà l’elemento che spingerà i protagonisti a solidarizzare tra di loro, a prendersi cura l’un l’altro, a difendersi dalla violenza e ad affrontare il mostro che da più di un secolo semina morte nella città di Derry.

Solo smettendo di fuggire e affrontando i propri incubi più spaventosi aiutandosi l’un l’altro, è possibile condurre un’esistenza al sicuro, riscattarsi da laceranti rimpianti e vivere felicemente.

Questo slideshow richiede JavaScript.

“Liberi di Fare”: assistenza autogestita per tutti!

Tre manifestazioni a Roma per rivendicare il diritto, per tutte le persone con disabilità, di scegliere la persona che l’assiste nei bisogni primari e nella realizzazione di progetti di vita.

“L’ingiustizia in qualsiasi luogo è una minaccia alla giustizia ovunque”
(Martin Luther King Jr.)

 

Per comprendere come si può sentire una persona disabile quando viene messo in discussione un così essenziale servizio, è sufficiente fare un semplice esercizio di immedesimazione: immaginiamo che qualcuno ci dica che da domani, forse, non potremo più uscire di casa, che non potremo più andare al lavoro, che non potremo più frequentare i nostri amici o svolgere le nostre attività di socializzazione preferite. Immaginiamo che qualcuno ci dica che, forse, da domani non potremo più prenderci cura del nostro corpo, alzarci dal letto e cominciare la giornata così come abbiamo fatto oggi e come facciamo da mesi e da anni.
Tutto viene pervaso da un senso di precarietà, ogni nostra attività non è più garantita, fare progetti diventa un puro esercizio speculativo, il futuro viene sostituito da un punto interrogativo, smettendo di rientrare nella sfera di ciò che possiamo controllare e gestire.
Per dirla in termini psicologici e dotti, la persona non ha più un locus of control interno, bensì esterno: la sua vita è dominata da fattori esterni alla propria volontà e alle proprie capacità, è in balia degli eventi.

Questo è un emblematico esempio di come i processi socio-economici abbiano riflessi sulle persone, tali da produrre disagio psicologico e persino psicopatologia. Quando infatti una persona percepisce di non avere più il controllo della propria vita e che tutti i suoi sforzi determinano comunque esiti negativi (learned helplessness e learned hopelessness), si instaurano sentimenti di impotenza e di disperazione, correlati a loro volta ad ansia, depressione, stress, immuno-soppressione e altre patologie a base organica, correlate all’asse psico-neuro-endocrino-immunologico.
Il ruolo della psicologia in questi casi non è solo quello di curare le patologie o prevenirne l’aggravamento, ma – così come ci insegna la psicologia di comunità – anche quello di agevolare i processi di aggregazione sociale fra persone che vivono una condizione oggettiva simile, come quella della disabilità, affinché insieme siano più efficaci nel difendere ed espandere servizi primari e imprescindibili come l’assistenza.
Innanzitutto, è necessario lavorare per accogliere e attenuare il senso di sgomento, choc ed ansia ripristinando la speranza. In secondo luogo, è possibile lavorare per agevolare processi di socializzazione improntati alla collaborazione, facendo ben consapevolizzare che la “politica dell’orticello” è controproducente e che il potere del singolo tanto cresce quanto più aumentano numerosità e coesione di gruppo, nonché si rinforza il senso di lealtà fra i suoi componenti.
Il detto divide et impera (“dividi e domina”) ci ricorda che tanto più un gruppo o una società sono frammentati, tanto più è facile imporre misure e politiche inique. Purtroppo chi vive una condizione di sofferenza può essere preso in scacco da questa stessa sofferenza, che diventa una lente attraverso la quale si guarda la realtà distorcendola. La sofferenza può cioè diventare il motivo per un approccio autoreferente alla vita, una specie di “pulpito” dal quale giudicare tutto e tutti, ma che, fatalmente, ci isola dagli altri e ci rende soli e più deboli.

Nel mondo della disabilità ciò accade in maniera ricorrente: ogni sottocategoria – e ogni persona all’interno di esse – afferma che la propria condizione di disabilità è la peggiore e quella più meritevole di rivendicazioni e tutele.
Se è vero, però, che ogni condizione è diversa dall’altra, è altrettanto vero che per ognuna di esse è valido il principio socio-politico secondo il quale ogni persona ha diritto ad avere i supporti tecnici, economici e assistenziali necessari per compensare la condizione di svantaggio dovuta alla menomazione fisica. Un principio, questo, che non ha una valenza assoluta, bensì storica e che per tale motivo deve essere ribadito periodicamente, con maggior forza proprio nei frangenti storici di crisi.

 

 

“Apri la porta e accendi la luce” 2017 di Roberta Maola

"Apri la porta e accendi la luce" 2017 di Roberta Maola
“Apri la porta e accendi la luce” 2017 di Roberta Maola
Disegno Matita su carta 24\24 cm inserito in una struttura cubica in legno e vetro 30\30 cm

In esposizione dal 27 ottobre al 8 novembre 2017 presso il FAENAS CAFE’, via Portuense 47, sesta edizione del Level art exhibition 

“Apri la porta e accendi la luce” è un’opera che meta-comunica sulla collocazione stessa per la quale è stata concepita: il MAAM Museo dell’Altro e dell’Altrove di Metropoliz_città meticcia. Se è vero che, come ha dichiarato il curatore del Museo, l’antropologo Giorgio De Finis, “…la vita, con i panni stesi, i giocattoli abbandonati, le sedie, i mobili, i materassi, ecc. (…) qualche volta non sai bene se sono un’opera o no.”, con questo lavoro si vuole sottolineare l’organicità della comunità, che dal 2009 vive nell’ex stabilimento Fiorucci, al progetto del Maam. I suoi due piccoli rappresentanti, ritratti con matita su carta mentre partecipano come spettatori divertiti ad una delle iniziative del Museo, diventano così a pieno diritto parte della sua vita culturale e della sua anima inter-culturale.
L’opera immortala il compimento del processo di fusione di due realtà: quello di chi non ha un posto nel mondo e quello di quanti, fra artisti, intellettuali o semplici abitanti del quartiere, vedono nell’arte una barricata per difendere la propria umanità nel contesto anomico (nell’accezione mertoniana del termine) della metropoli.
L’opera ha anche un carattere interattivo con lo spettatore che deve aprire la porta ed accendere la luce per osservare il ritratto contenuto in essa. Metafora dell’aprire una porta ed accendere una luce sulla realtà scomoda di un’infanzia relegata ai margini della società e precaria nella soddisfazione dei bisogni più elementari. Tuttavia l’atto intenzionale di accedervi, piuttosto che evitare e rimuovere, ci regala un conforto gratuito ed involontario in virtù della giocosità che persiste nelle condizioni più estreme grazie alla smisurata resilienza di chi non solo sopravvive, ma vive.