Una risata seppellirà i cyber-falliti

Purtroppo spesso le persone con disabilità, piuttosto che lottare per ottenere ciò che desiderano, si aspettano che gli altri concedano loro il permesso di realizzare i propri obiettivi. Ciò fa sì che ci sarà sempre qualcuno che si arrogherà il diritto di pontificare su ciò che ci è concesso e ciò che non lo è, su ciò che è consono per un disabile e ciò che non lo è…

C’è stato un tempo in cui la magra consolazione, l’ultima spiaggia dei falliti, cioè di coloro che preferiscono crogiolarsi nell’idea che c’è chi sta peggio piuttosto che fare qualcosa di positivo per loro stessi, erano proprio i disabili i quali stavano buoni e zitti nei loro recinti esistenziali, nella triste e sconsolata consapevolezza del fatto che, in quanto handicappati, a questo giro dovevano semplicemente passare e sperare nella gioia eterna del paradiso.

Oggi giorno, invece, ti si presentano questi disabiloni da battaglia come Annalisa Minetti (ma anche tanti altri) che prendono il toro per le corna e lo sbattono contro il muro. Voce potente che spacca i muri, vince Sanremo nel 2007, poi partecipa alle gare paralimpiche di atletica vincendo qua e là qualche medaglia e fissando qualche record mondiale per categoria, si sposa ben 2 volte!!! e fa ben 2 figli, nel frattempo si iscrive all’università e supera esami.

E allora a me, francamente, viene da provare tenerezza e un po’ di pena per tutti coloro  (sempre una minoranza c’è da dirlo) che non possono neanche avere il conforto di pensare che almeno i disabili stanno peggio di loro. Posso immaginare il loro fegato contorcersi e comprendo (ma non lo giustifico sia chiaro!) il livore con cui la biasimano. Nel frattempo rido e penso che magari chi stigmatizza il suo aver messo al mondo figli che non potrà mai vedere ha la vista, ma i propri figli non li guarda mai.

Penso che in tutti questi anni la Minetti, di persone che blateravano su ciò avrebbe o non avrebbe potuto fare ne avrà incontrate tante, ma saggiamente ha deciso di impegnare le proprie energie per fare ciò che l’appassiona, per migliorarsi e ottenere successi, piuttosto che sprecarle nell’impresa impossibile di convincerle che avrebbe potuto ottenere i risultati che ha ottenuto.

E mentre molti si affrettano a soccorrerla con la loro indignazione verso alcuni commenti meschini, io la immagino ridere in faccia a questi miserandi le cui unghie stridono sugli specchi sui quali tentano invano di arrampicarsi riuscendo, peraltro, solo a torturare la grammatica: “Credo che avrà una stregua di persone che l’aiutano”. Ok magari qualcuno che l’aiuta ce l’avrà pure, ma talento, impegno, determinazione e spirito di sacrificio non te li può dare nessuno. E quindi l’alibi che gli altri riescono solo perché sono più ricchi, più fortunati, più aiutati (ecc.) non regge.

Nella vita c’è sempre qualcuno che ne ha più di te, che è più intelligente, più forte, più resistente, più determinato… Accettarlo infonde una grande serenità. Soprattutto ci predispone a rimboccarci le maniche e migliorare la nostra vita.  Il più delle volte, invece, si preferisce dare fondo all’invidia e alle più basse insinuazioni per evitare di fare i conti con i propri limiti.

Non è un caso che siano quasi sempre le donne ad essere vessate, discriminate e cyber-bullizzate: talentuose, multi-tasking e capaci di sopportare difficoltà e sofferenze estreme, sono portatrici inconsapevoli di una manifesta superiorità… e per questo sono fatalmente oggetto di tanto odio.

3 pensieri su “Una risata seppellirà i cyber-falliti

  1. Antome

    Ciao, nella pagina Facebook del Ricciocorno Schiattoso che cita il tuo articolo, molto positivo, a proposito, sono comparsi due commenti di uomini. Molto enigmatici e sottili :D. Non avendo Facebook, gli rispondo da qui, ma chiedo anche il tuo “aiuto”, diciamo. https://www.facebook.com/ilricciocornoschiattoso/?hc_ref=ARQESoQL0XnZWPV5he_hstXy34EcXgMy-ySyke1Vm2-ldcKkOghXP4fSNZ2hIsbg__8&fref=nf&__tn__=kC-R

    “Danilo Simone una marea di cazzate mai sentite prima… 😂😂😂😂”
    Condivido, perchè immagino si riferisca a cose come “non mi piace questo suo mostare ogni cosa” “non avrei messo al mondo un secondo figlio che non potrei mai vedere” ed il resto che non potendo copincollare non ho esattamente voglia di sprecare il mio tempo a trascrivere. Si riferisce a quello vero, oppure ho troppa fiducia nell’essere umano social. O ti riferivi forse a Elio ed invece quei commenti sono perle di saggezza e grandi rivelazioni di schiettezza politicamente scorretta solo un po’ rudi?
    “Luca Sciarrillo Quindi sono tanto superiori da odiarsi tra di loro? Ma è geniale!”
    Ho dovuto pensarci un po’, qui, il signore, che ha capito tutto e sta tanto avanti, immagino che per “odiarsi tra loro” si riferisca al dettaglio che i commenti cattivi siano in esame siano in questa caso di donne e abbia voluto attaccarsi a questo per non guardare il senso generale del post.
    Se ti rimane un punto interrogativo in testa è perchè devi sapere che c’è una grande vulgata per cui siano soprattutto le donne ad odiare altre donne e non gli uomini. Ovviamente è evidente che non è così e la rete è piena di commenti bigotti ed sbigottenti contro la Boldrini, ma per non parlare di quelli famigerati contro Cristoforetti e Fabiola Gianotti e che quindi il fenomeno è talmente macrospopico che logicamente, qualche donna bisbetica, che nessuno nega esista, non possa essere presa a pretesto per squalificare tutto il senso del discorso. Come al solito si sottovaluta la pigrizia logica di queste persone, che se si tratta di sputare malignità la violano in continuazione.
    Ma, piccolissimo appunto, premettendo che gente simile avrebbe trovato altri pidocchi e pretesti a cui attaccarsi, probabilmente, ritengo che ciò che ha elicitato questa risposta irrazionale sia l’idea delle donne come manifestamente superiori. Anche se io ritengo nessuno inferiore o superiore in base al genere, ho tuttavia colto il senso di omaggio, e solo questi nuovi maschi alla riscossa di Stockausen (o di Munchausen?) possono vederci un senso speculare a quello dei maschilisti (di cui non so se abbiano nostalgia o cosa) che ritenevano la donna inferiore.

    "Mi piace"

    1. Antome

      Anzi interpreto il post come molto più specifico, manifesta superiorità sicura di tali donne rispetto a persone (anche qualche donna) che le criticano con argomenti di tale vile levatura, di conseguenza tali uomini devono avere la coda di paglia. Quindi direi che ci incontriamo a metà strada :D.

      "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...