La sessualità come elemento imprescindibile per la qualità della vita

Perché la vita possa definirsi completa e soddisfacente non può mancare in essa il soddisfacimento dei desideri sessuali e la possibilità di sperimentare tutta la gamma di sensazioni ed emozioni dell’amore erotico.

Ci sono purtroppo persone che per costrizione o per scelte dettate da esperienze che hanno condotto ad un inaridimento della loro vena romantica, erotica e sensuale, conducono una vita fatta di doveri o di piaceri materiali, oppure si rifugiano nella spiritualità. In tutti questi casi non si soddisfano il bisogno di ogni essere umano di dare corpo alle emozioni e ai sentimenti.

Infatti, l’amore erotico ha un valore aggiunto rispetto alle altre forme di piacere o di amore: esso è il punto di congiunzione fra la psiche e il soma, tra il nostro mondo emotivo e tutte le espressioni fisiche e sensoriali delle emozioni. L’amore e il piacere erotico possono declinarsi sia nella relazione con l’altro sia con se stessi: l’autoerotismo può essere la strada privilegiata per conoscersi ed imparare ad amarsi, per riappacificarsi con il proprio corpo. L’amore erotico ha il potere di trasformare nella mente delle persone malate o diversamente abili, la percezione del proprio corpo come luogo dove si realizza il benessere, laddove invece nella grigia quotidianità dell’assistenza e delle terapie esso è motivo di mortificazione morale e dolore. L’amore erotico autentico permette a chi vede nel proprio corpo solo difetti, la consapevolezza che esso può essere soggetto e oggetto di intense e gradevoli emozioni e sensazioni. L’amore erotico autentico e personale ha un potere terapeutico.

Piacere come nutrimento dell’autostima: conoscersi o essere conosciuti dal partner al punto da riuscire a darsi o ricevere piacere nel modo unico in cui ognuno di noi ama ricevere piacere ed amore, ha una ricaduta positiva immediata sul proprio senso di autostima. Amarsi ed essere amati con dedizione e attenzione significa essere riconosciuti nella propria unicità ed essere meritevoli di un amore che va al di là dei canoni, degli stereotipi e delle convenzioni.

Ma il piacere sessuale non fornisce in sé e per sé nutrimento alla propria autostima. L’auto-erotismo può essere visto come un surrogato della sessualità con un/una partner e vissuto con un senso di prostrazione che subentra poco dopo l’orgasmo. I fantasmi di un retaggio culturale che ha per secoli stigmatizzato la masturbazione come un atto immorale, impuro e legato ad una sessualità immatura, polimorfa alla quale è stata contrapposta l’immagine positiva della sessualità genitale e funzionale alla riproduzione.

Nelle relazioni sessuali una sessualità piacevole per puro esercizio fisico o stimolazione sensoriale, senza un collegamento ad una dimensione emotiva e sentimentale, può risultare sterile, fine a se stessa, quindi non lasciare nutrimento all’autostima.

Si pensi alle parafilie quali la pedofilia, il frotteurismo, i comportamenti voyeuristiici o esibilizionisti, ecc. essi provocano eccitazione in chi mette in atto questi comportamenti, ma invece che creare un rapporto intimo, costoro vengono emarginati proprio per il carattere deviante della loro sessualità e per il fatto che gli agiti invadono la sfera intima di altre persone senza il loro consenso. Altro esempio di una sessualità mortificante è quella ricercata da persone affette da dipendenza sessuale le quali sono costrette, per raggiungere livelli di eccitazione soddisfacenti, a ricercare comportamenti sessuali sempre più estremi, ma questo, oltre che creare situazioni potenzialmente pericolose e socialmente compromettenti, lasciano un profondo senso di prostrazione in chi le compie.

Piacere, violenza e sopraffazione: altre volte il piacere sessuale viene ottenuto attraverso l’erotizzazione della violenza e della sopraffazione. Si pensi ai rapporti sessuali basati su dinamiche sadomasochistiche o alle pratiche autoerotiche con oggetti impropri che possono provocare dolore e ferite al limite dell’autolesionismo. I casi di abuso e di violenza sessuale sono l’esempio più emblematico di una sessualità basata sulla mortificazione dell’oggetto dell’investimento erotico.  Ma senza arrivare a questi estremi a volte il rapporto sessuale può essere condotto con rabbia, diventare lo sfogo di risentimento verso il partner o la categoria che esso rappresenta. Tutte queste forme sessualità sono veicolo di sentimenti negativi e provocano a loro volta ulteriore mortificazione e risentimento.

Desiderio come forza motivante: ad ogni modo è innegabile il potere del desiderio in generale e di quello sessuale in particolare. Esso rappresenta una forza motivante, in negativo e in positivo, molto potente. La sessualità è la dimensione dove si possono realizzare attimi di pura felicità e che possono dare senso alla vita che per lo più è fatta di doveri e sacrifici. Ecco perché non bisognerebbe mai smettere di ricercare le gioie dell’amore e del piacere sessuale.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...